QuiErba

Confesercenti contro il sindaco di Erba: "No al Mercato di Forte dei Marmi"

L'associazione di commercianti scrive al primo cittadino Veronica Airoldi

Mercato di Forte dei Marmi

Commercianti contro il Mercato di Foerte dei Marmi. Succede a Erba, dove Confesercenti a impugnato carta e penna per scrivere al sindaco Veronica Airoldi e contestare la decisione di autorizzare il mercato itinerante sul suolo comunale. Nella lettera il direttore di Confesercenti Como Angelo Basilico auspica un dialogo tra amministrazione e gli operatori locali e le associazioni di categoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera di Confesercenti

La presente è per esprimerLe il nostro disappunto per la Sua decisione di ospitare il Mercato di Forte dei Marmi sulle vie cittadine nella prossima primavera. Come Le è noto, la nostra associazione è da sempre impegnata nella difesa degli ambulanti locali da coloro che, sotto l’insegna sostanzialmente abusiva del mercato versiliese, portano concorrenza sleale alle imprese del territorio.
Le sarebbe suciente indagare sul web per scoprire che esistono almeno sei consorzi e/o associazioni di ambulanti sedicenti fortemarmini e che lo stesso Sindaco della cittadina toscana, nel 2016, li ha prontamente disconosciuti, annunciando iniziative per restituire il marchio alla propria piazza. A dire il vero, la querelle intorno al brand ci interesserebbe ben poco se questo - anziché la caratterizzazione merceologica - non fosse la leva utilizzata per sottrarre clientela agli ambulanti del territorio. Infatti gli operatori di questi consorzi scambiano gli stessi prodotti venduti sui mercati e nei negozi del luogo ma traggono un vantaggio competitivo dall’utilizzo indebito del marchio fortemarmino. Il risultato netto di queste manifestazioni è un impoverimento diuso della piccola imprenditoria locale, già duramente colpita dalla crisi economica. Il commercio cittadino è un fattore insostituibile di socialità e aggregazione comunitaria e – di conseguenza – la sua salvaguardia diviene un imperativo categorico per qualunque amministrazione.
A ragion veduta, dunque, Le chiediamo di rinunciare al Mercato di Forte dei Marmi ed aprire un canale di dialogo con esercenti locali ed Associazioni di Categoria, convenendo con noi che soltanto investendo sul commercio cittadino, anziché in manifestazioni occasionali, la Sua amministrazione saprà garantire la vivibilità del tessuto urbano, con grande soddisfazione per i commercianti e Suoi cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Monica Bellucci e Vincent Cassel insieme per un giorno a Bellagio per la figlia Deva

  • Notte di San Lorenzo, i momenti migliori per vedere le stelle cadenti a Como

  • La storia di Marta che a 17 anni ha realizzato il suo sogno in pieno lockdown: la sua tenacia ha vinto

  • Como, lo strano caso dei semini sputati sull'autobus: la segnalazione di Giovanni

  • Le 10 migliori proposte per un magico weekend d'agosto sul lago di Como

  • Accoltellato dopo una lite: omicidio a mozzate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento