QuiErba

Rifiuta il segno della pace a un ragazzino di colore durante la messa di Natale

Da Erba un gesto di razzismo che fa discutere l'Italia

Presepe in chiesa (foto archivio RomagnaOggi)

Sta davvero facendo il giro d'Italia la triste notizia di un gesto di razzismo che si è consumato durante la messa di Natale in una chiesa di Erba. A raccontarlo è stata l'erbese Maria Luisa Testori sulla sua pagina Facebook. Il gesto di razzismo in questione ha riguardato il suo giovane nipote, un ragazzo di colore che si è visto rifiutare il segno della pace da un uomo che si trovava vicino a lui nel momento in cui il prete ha invitato i fedeli a scambiarsi un segno di pace. "Io a quelli di colore la mano la do per ultimi", avrebbe detto l'uomo. Il dettagliato e rammaricato racconto nel post della nonna del ragazzo nato da un italiano e da una keniota.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Non vedo il nesso di pensare di risolvere qualsiasi problema con i “social” ma chiarire con la persona interessata , no? Se fosse stato mio figlio o mio nipote avrei parlato con l’interessato e basta ma nel 2018/2019 se non sei social non sei cool. Ma vaffancool!!!!

Notizie di oggi

  • Centro storico

    Pitbull senza guinzaglio e bivacchi davanti alla pinacoteca di Como

  • Cronaca

    Uccide una donna in Francia, senzatetto arrestato a Como grazie al wifi della Caritas

  • Viabilità

    Giro d'Italia a Como domenica 26 maggio: dove passa, strade chiuse, parcheggi e mezzi pubblici

  • Attualità

    Fridays for future a Como: giovani di nuovo in piazza per difendere il clima

I più letti della settimana

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Derby Como-Lecco, scontri tra tifosi e polizia

  • Blitz dei vigili di Cantù: oltre 20mila euro di multa al ristorante Chebika

  • Tenta di impiccarsi sul lungolago: salvato da due uomini che facevano jogging

  • Matrimonio gay a Como: il sogno di Giulio e Bernhard si avvera

  • Le michette e le focacce più buone di Como

Torna su
QuiComo è in caricamento